Marco Angius
Direttore - W
Intro-it-it

Marco Angius ha diretto orchestre quali Tokyo Philharmonic Orchestra, Ensemble Intercontemporain, London Sinfonietta, Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Orchestra del Teatro La Fenice, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra del Teatro Comunale di Bologna del Teatro Regio di Torino, Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi di Milano, Orchestra della Svizzera Italiana, l’Orchestre de Chambre de Lausanne, Orchestre Symphonique et Lyrique de Nancy, Orchestre de Lorrain, Orchestra della Toscana, I Pomeriggi Musicali, Luxembourg Philharmonie, Muziekgebouw/Bimhuis di Amsterdam. Già direttore principale dell’Ensemble Bernasconi dell’Accademia Teatro alla Scala, è attualmente direttore musicale e artistico dell’Orchestra di Padova e del Veneto . Nel 2019 è stato nominato Commendatore al Merito della Repubblica Italiana dal Presidente Mattarella.

RECENSIONI
Dido and Aeneas / I sette peccati capitali
Teatro Comunale, Bologna
17/03/2024

"Musicalmente, Angius è riuscito a trasformare Didone in un'opera contemporanea: non solo inserendovi schegge di registrazioni di Luigi Nono (I canti di Didone, su testi di Ungaretti, del 1958) e di Giacinto Scelsi (Okanagon), ma restituendo a questo titolo il senso di un'opera aperta a ogni possibile lettura. Ne è nata una concertazione volutamente anti-barocca, come fosse nata sulle ceneri della partitura, che infatti non è mai arrivata a noi nella sua versione originale."

(Luca Baccolini, la Repubblica



" Il Direttore Marco Angius, per ridare vita all’opera, ha deciso di guardare alla musica contemporanea e lavorare non tanto per colmare vuoti, ma per renderli interessanti momenti di reinterpretazione creando qualcosa di sperimentale. La scelta, felice a mio avviso, di Angius è stata quella di utilizzare nei “vuoti” dei Cori di Didone di Luigi Nono su testi del 1958 di Ungaretti e brani di Giacinto Scelsi creando continuità nella partitura poggiandosi a note di basso comuni tra partitura esistente e innesti o unendo immagini presenti nel libretto originale di Nahum Tate e quelle di Ungaretti. L’esito degli innesti, sottolineati da cambi di luci, movimenti di mimi e elementi scenografici, è piacevole e stimolante. Molto coinvolgenti i momenti percussivi metallici di Nono e il lavoro fonico delle voci che creano grande tensione scenica nel momento in cui Enea deve prendere gravi decisioni. Di enorme bellezza il Song di Belinda successivo all’overture in cui Mariam Battistelli incanta letteralmente l’uditorio."

(Simona Sagone, RadioCittàFujiko)


"(Dido and Aeneas) Óptima la dirección de Marco Angius, que ha sabido insertar sapientemente las composiciones de Nono y de Scelsi, poner de relieve el carácter de los personajes y subrayar el gran trabajo del coro. (Die Sieben Todsünden) Magnífica la interpretación de Marco Angius de la partitura con una orquesta más numerosa"

(Magda Ruggeri Marchetti, Codalario


Ecuba,
Teatro Olimpico, Vicenza
11/06/2023

“Ottima la realizzazione musicale, affidata alla bacchetta sicura e incisiva di Marco Angius, che, alla guida dell’Orchestra di Padova e del Veneto, ha conferito alla narrazione una elegante tornitura classica. Ben calibrati gli impasti timbrici e le accensioni dinamiche, soprattutto nelle pagine che vedevano coinvolti gli ottoni, così come puntuale è sempre stata l’attenzione al canto."

(Fabio Larovere, Forum opera)


Hanjo, Teatro Sociale, Trento
18/04/2023

“La realizzazione musicale è affidata all’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, ancora una volta sugli scudi per le qualità interpretative e tecniche al cospetto delle partiture contemporanee, guidata da uno specialista del repertorio del calibro di Marco Angius. La sua attenzione per i dettagli più minuti e allo stesso tempo per l’architettura nel suo complesso forgia un’esecuzione di notevole precisione e perizia, capace di sottolineare con abilità i passaggi più intensi e significativi.”

(Francesco Bertini, Connessi all'opera)


Concerto
Teatro dal Verme, Milano
23/02/2023

“Alla testa della formazione c’è lo sguardo penetrante di Marco Angius, che conferma la sua caratteristica capacità di produrre esecuzioni di altissimo livello e al contempo di saper trasmettere al pubblico delle pagine di musica con estrema chiarezza. Un esempio su tutti è proprio la Kammersymphonie, che raramente può essere udita – e soprattutto in Italia – animata da un pensiero tanto lucido da permettere di cogliere le intricate connessioni che attraversano l’opera di Schönberg, quasi si potesse vedere una matita tracciare un segno sulla partitura. Piacevole sorpresa il Concerto di Beethoven, che Angius dirige non solo correttamente ma anche con un gustoso piglio preromantico."

(Luca Fialdini, OperaClick)

MORE REVIEWS
CALENDARIO
20
giu 2024
Concerto
Ravenna, Teatro Alighieri (Fon...
Direttore
21
giu 2024
Il castello di Barbablu/ La...
Trieste, Teatro Verdi
Direttore
22
giu 2024
Il castello di Barbablu/ La...
Trieste, Teatro Verdi
Direttore
MORE HIGHLIGHTS
Legal information
/
Privacy
/
Site map
/
Contact us
Copyright 2011 Stage Door Srl / p.iva 02460411206