Gianluca Capuano - Direttore - W Print

Nato a Milano, si è diplomato in organo, composizione e direzione d’orchestra presso il Conservatorio della sua città. Ha approfondito gli aspetti relativi all’esecuzione della musica antica presso la Scuola Civica di Milano, dove ha affrontato i problemi inerenti la notazione, lo studio delle fonti e la prassi esecutiva. Agli studi musicali, ha affiancato quelli classici: laureato con lode in filosofia teoretica presso l’Università Statale di Milano, si dedica alla ricerca, occupandosi in particolare di problemi di estetica musicale, pubblicando nel 2002 il saggio “I segni della voce infinita” (Jaca Book). Nel 2014 è stata pubblicata la sua edizione critica del Diluvium universale di Carissimi per l'Istituto Italiano di Storia della Musica. Dalla sua fondazione, è direttore artistico del festival “Musica negli horti”, che si svolge ogni anno a settembre in Val d’Orcia.

Svolge un’intensa attività come direttore, organista e continuista in tutta Europa, Stati Uniti, Russia e Giappone. Ha collaborato con artisti quali: Michael Chance, Emma Kirkby, Cecilia Bartoli, Max Emanuel Cencic, Philippe Jaroussky, Diego Fasolis, Lorenzo e Vittorio Ghielmi. È organista presso la Basilica di San Simpliciano a Milano.

Invitato spesso come specialista del repertorio barocco e classico, ha lavorato con il coro dell’Opéra di Nancy, di Lione e di Montpellier e con molte orchestre quali: I Pomeriggi Musicali, LaVerdi Barocca (Milano), Milano Classica, I Virtuosi Italiani, Arpeggione, Musica Florea (Repubblica Ceca).

Nel 2006 ha fondato il gruppo vocale e strumentale “Il canto di Orfeo”, con il quale si dedica ai capolavori del barocco musicale europeo, in stretta collaborazione con alcuni dei migliori specialisti su strumenti originali. Con l'ensemble vocale ha preso parte anche alle opere Cuore di cane di Raskatov e Die Soldaten di Zimmermann al Teatro alla Scala di Milano.

Nel dicembre 2012 ha diretto Artaserse di Vinci con Concerto Köln all’Opera di Colonia, venendo poi reinviato per Leucippo di Hasse. Nel 2015 ha debuttato alla Semperoper a Dresda con l’Orlando di Händel. Più recentemente, ha diretto concerti sinfonici con l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento e I Pomeriggi musicali a Milano; Orfeo ed Euridice di Gluck ad Hohenems; Orlando Paladino di Haydn con l'Opera di Zurigo e La Scintilla a Winterthur; il Vespro della Beata Vergine di Monteverdi a Cremona con “Il canto d’Orfeo” per il Festival Monteverdi.

Nell'agosto 2016 si è imposto all'attenzione internazionale dirigendo in emergenza la Norma di Bellini con Cecilia Bartoli per l'apertura del Festival di Edimburgo: l'enorme successo ottenuto l'ha portato poi a dirigere Norma, sempre con Cecilia Bartoli, anche a Parigi (Théâtre des Champs Elysées) e a Baden Baden e ad essere invitato a dirigere il tour europeo di Cenerentola che Cecilia Bartoli ha portato a Montecarlo, Dortmund, Amburgo, Amsterdam, Versailles e Lussemburgo. Altri recenti impegni includono: Catone in Utica di Vivaldi con Concerto Köln all’Opera di Colonia; una nuova produzione di Così fan tutte con OperaLombardia a Como, Brescia e Cremona; Idomeneo al Maggio Musicale Fiorentino; una nuova produzione de La clemenza di Tito a Karlsruhe; una nuova produzione de L'incoronazione di Poppea a Nantes.

Attivo anche in ambito concertistico, ha recentemente diretto concerti sinfonici con l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, I Pomeriggi Musicali di Milano, Philharmonische Orchester Kiel, Orchestre national de Montpellier, Concerto Köln. Con "Il Canto d'Orfeo" ha inaugurato il Festival Milano Arte Musica 2017 con musiche a due o più cori del Seicento Italiano.

Nell'estate 2017 ha fatto il suo debutto al Festival di Salisburgo dirigendo una nuova produzione di Ariodante e de La donna del lago, entrambe con Cecilia Bartoli e Les musiciens du prince.

I suoi progetti futuri includono: la ripresa di Cenerentola con Cecilia Bartoli e Les musiciens du prince a Montecarlo e la ripresa de La clemenza di Tito a Karlsruhe; il dittico Pigmalione di Donizetti / Che originali! di Mayr al Festival Donizetti di Bergamo; Le metamorfosi di Pasquale di Spontini alla Fenice di Venezia (prima in tempi moderni); Gli uccellatori di Gassmann e Il matrimonio segreto all'Opera di Colonia; la Finta giardiniera a Winterthur e all'Opera di Zurigo, dove dirigerà anche Cenerentola e Iphigénie en Tauride. Dirigerà inoltre concerti sinfonici con I Pomeriggi Musicali, Les musiciens du Prince, La Scintilla, e l'Orchestre national de Montpellier.

La sua discografia include: un CD dedicato agli oratori di Giacomo Carissimi (Amadeus); un CD dedicato alle arie di Galuppi con Catherine King (Avie), “Editor’s choice” su “Gramophone” nel gennaio 2007.

 

Ottobre 2017

 

Legal information
/
Site map
/
Contact us
Copyright 2011 Stage Door Srl / p.iva 02460411206